Edouardo Longo

 

 

Eduardo Longo - update 12 December 2003

 

 

----- Original Message -----

Sent: Tuesday, November 18, 2003 11:31 PM

Subject: appello

 

APPELLO (link)

 

 

Mi permetto di inviatare la vostra redazione a publbicare sul web o sul giornale l'allegato appello di solidarietÓ per gli imputati di processi politici voluti chiaramente da lobbies sioniste.

 

Vi ringrazio fin d'ora.

 

Chi volesse avere notizie o resocnto inerenti tali procedimenti pu˛ tranquillamente contattare il sottoscritto.

Cordiali e camerateschi saluti,

 

info :

avv.Edoardo Longo

Edoardo Longo, avvocato scomodo

Storie di ordinaria

Persecuzione

L'avvocato Edoardo Longo ha dapoco terminato il suo ultimo libro "Anonima estorsioni": da anni i suoi libri circolano, seppur con difficoltà, nell'ambiente non allineato : da "Toghe e forchette" e "Toghe criminali" fino al famigerato volume contro le lobbies sioniste "Il coltello di Shylock".

L'avvocato Longo, è un legale che ha avuto il coraggio di denunciare e combattere le camarille della sua categoria, dedita a loschi intrallazzi sulla pelle dei non garantiti e sempre china ai comandi dei procuratori della repubblica, diventati una lobby trasversale a tutela dei poteri forti.

Con "Anonima estorsioni", Edoardo Longo ha voluto raccontare la verità sull'ordine forense a cui ha aggiunto una antologia dedicata ai processi politici in Italia contro la destra radicale.

Ma i tutori del regime democratico hanno deciso che questo libro non deve vedere la luce, e hanno quindi deciso di saldare i conti con l'avvocato longo, prima che vengano stampati i suoi prossimi volumi: fra le sale ovattate del palazzo di giustizia di Pordenone, in un clima di omertà e di complice silenzio, si sta perpetrando una vendetta da lungo prevista. E' un procedimento la cui conclusione è già stata scritta, e la democrazia liberticida e i suoi esecutori di vendette hanno camuffato da processo ordinario un vero e proprio processo politico contro un uomo libero. Era l'unico modo per cercare di mettere il bavaglio ad una persona che da sempre denuncia ne nefandezze dell'ambiente giudiziario italiano, fatto anche da giudici militanti che usano le condanne come strumenti politici.

Ma di nemici, Edoardo Longo, ne ha tanti. Non solo le branche politicizzate della magistratura, ma anche delle organizzazioni sioniste che lo hanno scelto come loro peggior nemico.

"Viviamo ormai in tempi di Polizia del Pensiero o di santa Inquisizione Sionista. Abbiamo avuto modo per un caso fortuito - scrive l'avvocato Longo - di metter mano su un documento autentico di una organizzazione italiana dedita alla lotta contro l'antisemitismo". Riprtiamo quindi il testo della crociata indetta contro l'avvocato longo dalla associazione per la lotta all'antisemitismo diretta dal signor. Franco Levi.

L'avvocato Longo intende querelare immediatamente questo signore per il reato di minaccia aggravata da vincolo associativo criminale.

"Nazi vivi e vegetti (n.b. due "ti")

Indrizzato ad autorità dellos tato e a varie associazioni ebraiche :

Ve lo ricordate il convegno di negazionisti che doveva tenersi lo scorso 20 ottobre 2002 a Verona, organizzato dai neo fascisti di Ordine Nuovo europa dal titolo "in memoria di milioni di vittime civili delle democrazie e delle loro menzogne"? Quel convegno fu annullato grazie agli appelli ed alle pressioni fatto seul governo italiano da associazioni di mezzo mondo fra cui il "Simon Wiesenthal Center", "l'Anti-defamation league"….e anche e soprattutto da noi di HRI e ADI !!!

Ebbene, gli organizzatori di hanno riprovato e sono riusciti ad organizzare quel convengo a Pordenone lo scorso 14 dicembre. Questa volta zitti zitti e in sordina. Pochi infatti, tranne l'Antidefamation League, hanno provato a denunciare la cosa ;

Fra i relatori di questo convegno di negazionisti neo nazisti c'era anche l'avvocato Edoardo Longo.

L'avvocato Edoardo Longo di Pordenone, è coordinatore provinciale dell'associazione per la giusitizia e il diritto "Enzo Tortora" (delq uale fa parte anche Paolo signorelli, già membro di Ordine Nuovo e già condannato per banda armata in primo grado al processo dellas trage di Bologna), nonché difensore dei camerati pordenonesi responsabili di accoltellamenti, pestaggi a sangue e massacri notturni e numerose altre aggressioni ai danni di immigrati extracomunitari e altri malcapitati.

Scrive libri quali : " Il coltello di Skylock.Vicende di ordinaria repressione giudaica", "Toghe e forchette. La giustizia secondo l'ordine forense", oppure articoli dia rgomento celtico-paganeggiante, tipo "Samivel e il mito primordiale della montanga" e " la leggenda della Caccia Selvaggia : tracce dell'antica tradizione celtica europea". Nei suoi volumi individua i nemici di volta in volta nella magistratura "giustizialista", nel mundialismo democratico,negli ebrei e nel consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Pordenone, dal quale ha subito almeno 700 provvedimenti disciplinari !

Prima di tutto vediamo se possiamo riuscire a farlo radiare dall'albo e di trovare qualche avvocato volontario per denunciarlo".

Ecco come certe branche della magistratura, certe persone e organizzazioni concepiscono la libertà di pensiero ed espressione che dovrebbe essere garantita dalla Costituzione italiana.

Finchè non si scoperchiano le loro pentole tutto va bene…..

( da : "Rinascita. Quotidiano di liberazione nazionale, Roma, mercoledì 14 maggio 2003, pagina 2)

From: "L'Arco e la Clava" <arcoclava@yahoo.com>

Date: Thu May 15, 2003 2:42 pm

Subject: La Santa Inquisizione Sionista

Una premessa è d'obbligo: lo scempio di un'accusa tanto schifosa quanto ingiusta sta proprio nell'infondatezza dell'accusa stessa (!!!). Tacciare un libero pensiero perchè "nazista" significa anzitutto fregarsene della storia e nascondere quelli che furono i veri motivi, le vere ragioni in germe alla II guerra mondiale, ma non solo! Sta ad indicare, come precisa e diretta conseguenza, l'incapacità di una certa "democratica inquisizione" di venirne fuori con le mani pulite. Chi lotta contro il giudaismo, ben inteso, non lotta contro "l'ebreo" e questo è dimostrato dal fatto che molte delle documentazioni controcorrente sono state frutto dell'apporto di ebrei ribelli - un nome su tutti: Israel Shahak -. Chi lotta correttamente contro il giudaismo rende quindi suo primo auspicio il Bene, subito poi la condanna del FENOMENO giudaico (e non degli individui in quanto GIUDEI), ovvero descrivere come, oggi, le forze ebraiche in potenza siano diretta emanazione dei principi religiosi ebraici. Da qui basterà un lavoro di ricerca, anche puramente personale ma non priva di estenuanti sforzi, per arrivare a percepire quanto siano aberranti talune sioniste manovre. Si legga ad es. il testo "Storia ebraica e giudaismo" di Israel Shahak con prefazione ed aggiunte di Gore Vidal e Nabeel Abraham - trad. a cura del Centro Librario Sodalitium. Questo, come molta altra letteratura, non è certo frutto di interessi di parte, ma costituisce scudo e scure di un'enclave culturale al servizio della Verità e della Giustizia. E finchè non vi sarà Giustizia nessuna vera Pace sarà possibile.

«Uomini siate e non pecore matte, si che 'l giudeo tra voi, di voi non rida» Dante Alighieri

«Guardiamo in faccia la realtà. Nella lotta contro il razzismo e il fanatismo della religione ebraica, i nostri peggiori nemici sono non soltanto gli ebrei razzisti e chi si serve del razzismo, ma quei non ebrei che, su altri problemi, si fanno passare, secondo me da falsari, per "progressisti"» Israel Shahak

VENDETTE GIUDAICHE

la Santa Inquisizione Sionista

di E. Longo

Non credo che la scheda minatoria diffusa da un'organizzazione ebraica di autodifesa (?) meriti molti commenti. Lo schifo che genera questo comportamento del mondo giudaico si commenta da solo. Viviamo ormai in tempi di Polizia del Pensiero o di Santa Inquisizione Sionista. Abbiamo avuto modo per un caso fortuito di metter mano su un documento autentico di una organizzazione ebraica italiana dedita alla "lotta contro l'antisemitismo" e lo proponiamo all'attenzione delle persone non drogate dal fanatismo giudaico per le riflessioni del caso. I giudei non si smentiscono: essi sono gli eredi (e padri...) dello stalinismo più vieto ed acerrimi nemici della libertà di pensiero. Abbiamo un ricco dossier su questi signori in perpetua fibrillazione, come i "gremlins" di una favola horror, e dedicheremo loro il tempo necessario per rendere edotti gli ultimi uomini liberi del pericolo giudaico che minaccia la libertà di pensiero. A costoro, a questi gremlins levantini ed infettati da un odio atavico verso l'umanità dedichiamo la seguente citazione, per ricordare loro che chi scrive non defletterà mai dalla sua battaglia contro il cancro giudaico. È una frase di Rudolf Von Sebottendorff che merita una riflessione: "Io intendo impegnare la thule nella Battaglia per tutto il tempo in cui riuscirò ad impugnare questo martello d'acciaio. Questo io giuro sullo swastika, su questo sacro segno. Possa tu udirmi, o Sole trionfante". Era il 9 novembre 1918. Siamo il 13 maggio 2003: nulla è cambiato. L'Eterno Nemico, il giudaismo, ha sempre gli artigli affilati contro la libertà dei popoli. Sta a noi vincere questa battaglia.

*****

Riportiamo di seguito il testo della crociata sionista indetta contro l'avvocato E. Longo dall'associazione per la lotta all'antisemitismo diretta dal signor (?) Franco Levi, che verrà immediatamente querelato per il reato di minaccia aggravata da vincolo associativo criminale.

Nazi vivi e vegetti *

Indirizzato ad autorità dello stato e a varie associazioni ebraiche

Ve lo ricordate il convegno di negazionisti che doveva tenersi lo scorso 12 ottobre 2002 a Verona, organizzato dai neo fascisti di Ordine Nuovo Europa dal titolo "In memoria di milioni di vittime civili delle democrazie e delle loro bugie"? Quel convegno fu annullato grazie agli appelli ed alle pressioni fatte sul governo italiano da associazioni di mezzo mondo fra cui il "Simon Wiesenthal Center" l'"Anti-defamation league".... e anche o forse oltretutto da noi di HRI e ADI !!! Ebbene , gli organizzatori ci hanno riprovato e sono riusciti ad organizzare quel convegno a Pordenone lo scorso 14 dicembre, questa volta zitti zitti e in sordina. Pochi infatti, tranne l'Anti-defamation League, hanno provato a denunciare la cosa : http//www.adl.org/PresRele/ASInt_13/4207_13.asp.

Fra i relatori di questo convegno di negazionisti neo nazisti c'era anche l'avvocato edoardo longo, qua infatti si può vedere il resoconto di tale convengo con tanto di foto dei partecipanti: http//www.adelaideinstitute.org/Conference/conference.htm e i link alle shcede personali dei relatori, fra cui quella dell'avv.Longo: http://www.adelaideinstitute.org/Conference/longo.htm . L'avvocato Longo, di Pordenone, è coordinatore provinciale dell'associazione per il diritto e la giustizia "Enzo Tortora" (del quale fa parte anche Paolo Signorelli, già membro di Ordine Nuovo e già condannato per banda armata in primo grado al processo della strage di Bologna), nonchè difensore dei camerati pordenonesi responsabili di accoltellamenti, pestaggi a sangue e massacri notturni e numerose altre aggressioni, ai danni di immigrati extracomunitari e di altri malcapitati. Scrive libri quali: "Il coltello di Shylock. Vicende di ordinaria repressione giudaica", "Toghe e forchette. La giustizia secondo l'ordine forense"oppure articoli di argomento celtico-paganeggiante, tipo "Samivel e il mito primordiale della montagna" e "La leggenda della Caccia Selvaggia: tracce dell'antica tradizione celtica europea". Nei suoi libri individua i nemici di volta in volta nella magistratura "giusitizialista", nel mondialismo democratico, negli ebrei e nel Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Pordenone, dal quale ha subito almeno 700 provvedimenti disciplinari!

Altre informazioni le potrete trovare su questo sito antifascista:

http://www.ecn.org/gatanegra/antifa/dossier/longo.html

http:/7www.ecn.org/gatanegra/antifa/psicopolizia,html#top

Prima di tutto vediamo se possiamo riuscire a farlo radiare dall'albo e di trovare qualche avvocato volontario per denunciarlo.

Franco levi,

associazione contro l'antisemitismo

* Il sottoscritto non vuole aggiungere una riga di commento a questo squallido appello al linciaggio di un uomo libero e controcorrente. Chi vuole manifestare solidarietà, sa dove trovarmi. Voglio solo aggiungere una cosa che ho inviato al sig. (?) Franco Levi, annunziandogli la mia prossima querela nei suoi pregiati confronti: «Egregio, signor franco levi, ho letto, molto divertito, il suo messaggio da Lei inviato al "colto e all'inclita" dal titolo "nazi vivi e vegetti". Io non ho il piacere di conoscerla personalmente, ma posso darLe una informazione importante che Lei potrà diffondere a tutti i suoi corrispondenti: sa, la parola "vegeti" si scrive con una "t" sola! Almeno in lingua italiana: ma visto che Lei probabilmente pensa in ebraico, è probabile che questa svista sia dovuta semplicemente a questa Sua conformazione mentale».

 

Top of Page | Home Page

©-free 2003 Adelaide Institute